Mangimi per cani – Leggiamo le etichette

Quando entri in un negozio pet, entri in uno stato di incoscienza e inizi a vagare tra gli scaffali, cercando un cibo adatto al tuo amico a quattrozampe, ma non sai quale scegliere? Hai visto la pubblicità di quel mangime, che ha come sponsor il cane bello, educato ed energico e hai pensato che forse quelle crocche farebbero proprio al caso tuo? Hai visto sulla busta del cibo la razza del tuo cane e hai pensato che fosse perfetto per lui?

Vediamo come scegliere un buon cibo per il nostro pet. La prima cosa da fare è capire come è scritta la lista degli ingredienti.

Gli ingredienti, per regolamento sono indicati in ordine decrescente e quindi il primo elemento indicato è quello più abbondante. Il primo ingrediente in un mangime per cani dovrebbe essere carne o pesce a seconda della scelta.

Ma cosa dovrebbe esserci in un alimento di qualità per cani? Sicuramente le proteine della carne, che sono il componente più importante per un cane.  Anche i legumi sono una fonte proteica,  ma sono meno assimilabili, e il loro valore nutritivo è più basso.

Quante proteine quindi?  In media dal 20% al 30%.
Tendenzialmente, più proteine ci sono e più il mangime è di qualità.

Altri componenti sono i grassi, le fibre, le ceneri, gli additivi e i carboidrati.I grassi  Nel cane sono energia e sono presenti nel mangime secco  più o meno al 20%. 

Le fibre  Stimolano il movimento intestinale e sono presenti circa al 2,5% per i cani adulti e al 2% per i cuccioli 

Le cener Si tratta soprattutto di calcio, che non dovrebbe essere più del 7%. Se la percentuale è maggiore, la differenza non viene assimilata.

Dopo le componenti analitiche sono presenti una lista di additivi che sono stati aggiunti al mangime, generalmente per fornire vitamine altrimenti poco presenti negli altri ingredienti inseriti. 

I carboidrati non fanno  male al cane, ma in generale meno ce ne sono e meglio è! 

Riepiloghiamo:

Proteine
dal 20% al 30%
Grassi
20%
Fibre
2.5%
Ceneri
Max 7%
Condividici
Info: 3473506368